Calcolo pensioni e come anticipare questo importante momento

19, Set 2017 by Editore in News     No Comments

Sono molte le novità che stanno nascendo in seno al settore pensionistico, novità che non sempre sono positive e che costringono i lavoratori ad effettuare un calcolo pensioni sempre più pressante, per capire quando sia il momento migliore per andare in pensione. Ma andiamo per gradi e cerchiamo di capire quale sia la situazione attuale.

La pensione deve essere considerata come un momento davvero molto importante nella vita lavorativa di ogni persona, forse come il momento in assoluto più importante. Dopo anni di lavoro, di responsabilità, di scelte, di sacrifici, dopo anni in cui si è cercato di costruire un futuro per sé stessi e per la propria famiglia, ecco che ogni sforzo viene ripagato: finalmente infatti è possibile godere del meritato riposo, percependo una retribuzione senza avere la necessità di portare avanti alcun tipo di attività lavorativa.

Le ultimissime novità sulle pensioni

Finalmente non è più necessario puntare la sveglia ad orari improbabili, saltare giù dal letto anche quando non se ne avrebbe assolutamente voglia, stare ore e ore lontano dalla propria famiglia e dalla propria casa, costretti magari dietro ad una scrivania. Finalmente è possibile portare avanti ogni attività che si desidera, seguendo i propri orari e i propri personali ritmi. Ci sono dei “ma” che devono però assolutamente essere presi in considerazione. Purtroppo in Italia oggi si va in pensione sempre più tardi e anzi stando alle ultime novità sembra che l’età pensionistica potrà essere ulteriormente spostata arrivando a toccare la soglia record dei 67 anni. Per molti lavoratori italiani è allora arrivato il momento di andare alla ricerca di un modo per anticipare questo importante momento.

Pensione anticipata: attenzione al calcolo dell’assegno

Sono disponibili alcune vie di fuga e sembra che nel corso dei prossimi tempi arriveranno altre riforme che potrebbero permettere di andare in pensione in anticipo. Ci sentiamo in dovere di sottolineare da subito però che prima di accettare una via di fuga di questa tipologia è necessario fare un calcolo della pensione che presumibilmente si riceverà, cercare di capire dunque in modo quanto più esatto possibile a quanto ammonterebbe l’assegno che andrete a percepire. Non sembra anche a voi infatti che sarebbe stupido andare in pensione e poi avere una retribuzione che non riesce a garantire il giusto sostentamento?

I prepensionamenti per esodati e donne

Le vie di fuga possibili ci sono. Gli esodati, ad esempio, coloro cioè che stavano per restare senza stipendio dopo la riforma Fornero, hanno la possibilità di andare in pensione sfruttando i vecchi requisiti. C’è poi da prendere in considerazione i prepensionamenti che permettono di andare in pensione con qualche anno di anticipo, anche se ovviamente a determinate condizioni. Da ricordare poi l’opzione donna che ha permesso a molte donne di anticipare l’età pensionistica, accettando però un assegno molto più basso rispetto a quello che spettava loro per legge.

Ape volontaria: come si calcola la pensione?

Non solo, nuove vie di fuga sono in questo momento al vaglio al governo. In modo particolare l’Ape volontaria, la possibilità sia per gli uomini che per le donne cioè di uscire dal proprio impiego accettando un assegno più basso. Informatevi cercando di leggere quanti più articoli possibile su questo argomento che arrivino ovviamente da fonti ufficiali.

Effettuate il calcolo della pensione basandovi sui dati che riuscirete a scovare: questo calcolo può facilmente essere realizzato online utilizzando i vari form che vi permettono di scoprire a quanto ammonterebbe il vostro assegno semplicemente inserendo i vostri dati personali. Affidatevi anche al vostro commercialista o al vostro datore di lavoro. Vedrete che con un po’ di pazienza riuscirete a capire quando arriverà per voi il momento migliore per andare in pensione, quello minimo previsto dalla legge attraverso queste nuove riforme e quello più adatto al vostro stile di vita in base all’assegno che andreste a percepire.

Categorie

Note legali

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, in totale rispetto della normativa europea. Maggiori dettagli alla pagina: PRIVACY Questo sito non costituisce testata giornalistica e non ha carattere periodico essendo aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari; marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti. Contatti: domini@graffiti.it